Haiku seduti sotto la luna

luna e sedie

 

Avevo sedici anni, circa (forse). Stavo vivendo la mia seconda vita e abitavo nella bella campagna romana. C’era un pruno selvatico che cresceva proprio vicino alla mia casa, e quando fioriva era un tripudio. Richiudeva talmente tanta bellezza in sé che solo un haiku avrebbe potuto descriverla. E quella fu la prima volta che mi scappò un haiku. Poi sono passati anni e io ora sono nella mia terza vita. Quest’estate in un bel pomeriggio d’Agosto, di quelli caldi caldi, io e la mia prima figlia ci eravamo ritirate nella stanza più interna della casa per difenderci dal caldo e dal sole. La penombra custodiva le nostre pigre confidenze e abbiamo cominciato a giocare con le parole e così è nato un haiku (il numero 16). Gli haiku mi hanno accompagnato negli anni, silenziosi e discreti, eppure potenti fino a quando non hanno chiesto di uscire. Poi ho incontrato Silvia (All’ombra) e abbiamo cominciato a parlare e giocare e raccontarci storie, e gli Haiku sono sbocciati. I nostri sono semplici fiori di campo, somigliano ai soffioni perché sono leggeri. Ma, come i soffioni, sanno volare e sanno mettere in contatto anime e pensieri. E allora ci piacerebbe che chiunque ne avesse voglia si mettesse a giocare con noi e a far volare le parole:

Per colorare
il cielo ho bisogno
dei tuoi Haiku.

Poi abbiamo coinvolto in questo nostro gioco Anna Morchio Pino Pace papà del librino galeotto “Un gatto nero in candeggina finì” che insegna ai bambini da 0 a 99 anni a comporre haiku, e il gioco è fatto.
Se vi va, provate a comporre un haiku da soli o con i vostri bambini e condividerlo con noi. In più si gioca, più è divertente.

Partecipate e seguiteci su haikusedutisottolaluna!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s